Italian Trumpet Forum

Didattica => L'angolo Acuto => : Mar October 25, 2018, 08:26:13 PM

: Incredibile
: Mar October 25, 2018, 08:26:13 PM
Incredibile!!! Voglio condividere con voi il primo do bisacuto della mia vita di trombettiere! Si tratta di poco più di un semplice fischio, ma fino a oggi il mio muro (sempre a livello di fischio) era un F# sopra il do acuto... il sol proprio non voleva saperne di uscire... la nota più alta che potevo raggiungere con sicurezza e con un tono pieno era un do acuto.Oggi dopo un semplice riscaldamento, ho provato a spingere un po'... et voilà... il muro è caduto. Dopo aver raggiunto il do bisacuto mi sono fermato un po', poi ho ricominciato la mia normale routine, e mi sono ritrovato a suonare con facilità e con un suono pieno fino a F# sopra il do acuto. E tutto dopo una giornata di m...., quelle giornate che sembra che tutti si siano messi d'accordo per farti incazzare... Incredibile. Ora sono curioso di vedere che ne sarà di queste note domani... e nei prossimi giorni. Grazie per l'attenzione... dovevo festeggiare con qualcuno che sa cosa vuol dire
: Re: Incredibile
: Zosimo October 25, 2018, 11:11:25 PM
Complimenti e auguri, la prossima volta registrati, per ora ti crediamo, la prossima volta no O0
: Re: Incredibile
: Ste October 25, 2018, 11:29:12 PM
Vai Mar, avanti così

Vuoi vedere che hai trovato la posizione ideale della lingua..

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk

: Re: Incredibile
: Altobugle October 26, 2018, 12:17:08 AM
Nel metodo scientifico un esperimento é valido solo se riproducibile... quindi datte da fá!
: Re: Incredibile
: Mar October 26, 2018, 12:52:46 AM
Ora sto pensando a cosa ho fatto oggi di diverso dal solito, per capire se quello che ho vissuto è  una giornata fortunata o se invece ho trovato qualcosa che può essermi utile in futuro. Per prima cosa, venivo da 3 giorni di riposo assoluto, e ieri, avendo poco tempo, avevo fatto solo un po' di flessibilità (20 minuti) per riprendere confidenza. Seconda cosa il riscaldamento. Di solito faccio note lunghe con bending di un semitono da g nel pentagramma a scendere e poi a risalire fino a do acuto. Oggi mi è venuto di fare bending di due semitoni... sempre da g... solo che invece di scendere ho deciso subito di salire... fino a f#... e poi sempre a salire fino a c ma solo di un semitono (2 non ci riuscivo... cadevo sull'armonico inferiore). Quando sono arrivato a c#... mi sono accorto che suonavo con facilità (di solito ci arrivo quasi impiccato) e ho trovato naturale spingermi sempre piu in alto... Forse é presto per trarre conclusioni  ma forse posso cominciare a pensare che:
A) nella mia routine quotidiana suono più di quanto dovrei  e quindi finisco per giocare ogni giorno su labbra ancora stanche dal giorno prima.
B) il bending, per l'imboccatura, è qualcosa di fenomenale... un moltiplicatore di efficienza
C) gli studi sull'aria e sui livelli della lingua che sto facendo funzionano alla grande (Air&Tongue Level - Eric Bolvin). E dire che sono semplici esercizi che ho incontrato già in parecchi altri metodi. Mai avrei potuto pensare che una pratica attenta e guidata di esercizi più o meno "comuni" avrebbe potuto fare una differenza così esagerata.
D) il lavoro, la dedizione e la costanza danno i loro frutti, e qualche volta capita che li diano all'improvviso.
Spero possiate perdonare il mio entusiasmo... e le eventuali cazzate che ho scritto. Sarebbe bello leggere le vostre opinioni in merito
: Re: Incredibile
: Mar October 26, 2018, 07:21:27 PM
Questa sera niente do bisacuto... ma il muro di G è stato infranto. Avanti a lavorare...
: Re: Incredibile
: Mar October 26, 2018, 07:23:53 PM
Piccole soddisfazioni che aiutano ad andare avanti
: Re: Incredibile
: andreache October 26, 2018, 08:14:30 PM
Bravissimo


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
: Re: Incredibile
: Mar March 06, 2019, 07:03:50 PM
Lo so che rischio il linciaggio, ma ho sperimentato su me stesso (e con me funziona) IL MODO per suonare tra i bisacuti.
Qualche mese fa, quando ho iniziato questo post, mi ero imbattuto in un DO BISACUTO quasi per caso.
Nei giorni successivi ho provato a ritrovarlo, ma non sempre con successo, e comunque con molta fatica, esagerando forse con la pressione.
A inizio febbraio ho trovato la facilità e la continuità di suonare DO BISACUTO, spingendomi anche fino al RE.
Sono fischi, ma diventano sempre più suoni, ogni giorno di più.
Sono una persona generosa, e voglio condividere con voi il mio segreto:
basta spostare leggermente il bocchino fuori centro, io ad esempio lo sposto un po' più a destra e BOOM, salgo di un'ottava buona,
quasi come un sassofonista con il portavoce.
Se mi guardo allo specchio nemmeno si nota che mi sono spostato fuori centro, o comunque fuori dal mio appoggio abituale.
Non capisco ne perché ne come funziona, però funziona, almeno per me.
Provateci, e fatemi sapere.
Sono curioso di sapere le vostre impressioni
P.S.: Ho provato con tre trombe diverse, e con sei bocchini diversi, e il risultato cambia veramente poco.

: Re: Incredibile
: Mar March 07, 2019, 06:21:32 PM
Provo a condividere un file audio con la prova richiesta da Zosimo tempo fa.

Spero funzioni, non l'ho mai fatto.

Se mai dovesse funzionare, tenete lontano i cani che i fischi potrebbero disturbarli

https://www.dropbox.com/s/8yw23erm8zhv9tt/Voce%20003.m4a?dl=0

: Re: Incredibile
: Altobugle March 07, 2019, 11:49:48 PM
Lascia stare, è un vicolo cieco. Lo facevo pure io da ragazzo. Ma non è  quella la tecnica. Devi spostare si, ma o verso il basso o verso l'alto.
: Re: Incredibile
: Zosimo March 08, 2019, 01:03:45 AM
Alla fine, 'sti scannamenti di maiale a cosa ti servono?
Oramai siamo tutti grandi, vaccinati e cresciuti sulle pagine del forum, abbiamo più volte detto che saper arrivare a nota x,
vuol dire prenderla sempre e comunque anche quando siamo stanchi e in un contesto musicale, cosi ad brutum( non so se esiste in latino)
non serve a nulla se non a divertirsi nella propria cameretta. Ora non per scoraggiarti e non perchè( volpe e l'uva) è una vita che non penso più agli acuti, ma su questo
strumento come credo anche negli altri non esistono scorciatoie che non siano lo studio. Io fossi in te mi concentrerei a suonare e potenziare le note che gia hai invece di
sparare nel mucchio. Notte.
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 02:14:38 AM
Probabilmente avete ragione voi, io sono solo un novellino, ma c'è più di un motivo che mi spinge a fare questi urli di maiale, e credo continuerò a farne anche grazie al vostro incoraggiamento, su cui non ho mai avuto dubbi di poter contare. Prima di tutto, fare 5/10 minuti così subito dopo un breve riscaldamento mi porta a giocare il mio range con molta più facilità/comodità, e con un suono che a me sembra migliore. Seconda cosa, c'è qualcosa che non mi quadra e per come sono fatto, devo approfondire: come mai non mi stanco a fare urli di maiale? Come mai posso andare avanti anche un'ora e mezza e poi svolgere tutta la mia normale routine senza problemi (anzi, con i benefici elencati prima)? Come mai l'attrezzatura non influisce? Bocchini profondissimi e superficiali rispondono più o meno allo stesso modo. Tranquilli, non sono domande che rivolgo a voi. Me le faccio da solo, così come le urla di maiale dentro la stanza. Non serve nemmeno ricordare le parole di qualche trombettista con la T maiuscola che dice che quello che oggi è un fischio domani sarà una nota (leggevo proprio qui sul forum la traduzione di Rapa che parlava di questo con Rashawn e Monette). Ma erano altri tempi! Il forum era vivo...  la gente era curiosa... e un trombettista principiante poteva ancora entusiasmarsi per una parvenza di nota acuta! Buone note!
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 04:13:15 AM
Quando parlo di suonare fischi per un'ora senza stancare il labbro, sto affermando che nella pedagogia della tromba c'è qualcosa che non funziona! Suonare la tromba è difficile, ok, e lo è per molti motivi diversi. C'è però una cosa che non sopporto, e sono le persone che fanno apparire agli altri le cose ancora più difficili di quanto già non siano. Mi è capitato in decine di circostanze diverse. Sembra un po' il nonnismo dei militari: io ho subito questo è devi subirlo anche tu. Se dopo aver fatto il tuo percorso sei diventato bravo allora devi far pagare agli altri il tempo che hai speso e i sacrifici che hai fatto. Se invece nel frattempo non sei diventato bravo sei una vittima inconsapevole di chi ti ha mostrato le cose più difficili di quanto non fossero, e che ha castrato le tue possibilità di apprendere secondo le tue capacità. Questo è il motivo per cui, con la tromba, sono autodidatta.  Ci vuole studio, costanza, passione, predisposizione, è tutto vero, e l'ho capito subito. Non cerco scorciatoie, ma non voglio nemmeno perdermi nei labirinti in cui la frustrazione (scolastica e non) ha costretto la maggior parte delle persone che si sono avvicinate a questo strumento. Io studio e penso con la mia testa. Ritengo che avere un buon suono, una buona intonazione, e una buona estensione non sia impossibile e che non richieda tempi biblici. Siamo tutti diversi, ognuno ha i suoi limiti, e l'ultima cosa di cui ho bisogno è che qualcuno mi voglia far credere che i suoi limiti sono i limiti dell'umanità intera.
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 04:36:56 AM
Fatevi un favore, domani, dopo il riscaldamento, provate a spostare un po' il bocchino sulle labbra. Forse anche voi avete un minuscolo punto delle labbra capace di vibrare ad una velocità superiore a quella del vostro appoggio abituale. Provate a suonare la vostra nota più alta, e uscite dalla vostra zona di appoggio confortevole per cercarne una più performante. Forse esiste anche per voi, o forse no. Non c'è bisogno di aver paura di dover cambiare imboccatura. Potrebbe essere solo il vostro turbo boost, da usare solo quando serve.
: Re: Incredibile
: Norman March 08, 2019, 12:24:03 PM
Ciao, ti dico il mio parere. Molti di noi sono passati attraverso questa fase dei fischi.

Il fatto che lo spostamento abbia permesso di "sbloccare" questi fischi probabilmente indica che la nuova posizione è più efficiente, quindi un risultato probabilmente lo hai ottenuto.

Detto questo, quel genere di fischi non ti servirà più di tanto ad imparare a suonare veramente nel registro acuto. La velocità dell'aria è troppo superiore a quella "giusta". Per poterli trasformare in suoni dovresti aumentare il volume, il che significa aumentare la quantità di aria che esce a quella velocità, ed è qualcosa che le labbra non potrebbero mai sostenere, ed anche se lo facessero il controllo e la qualità di quello che verrebbe fuori sarebbe scadente. Il tipo di lavoro da fare è un altro, ed è rendere efficiente la vibrazione delle labbra, che devono imparare a vibrare con la minima energia necessaria, il che significa con la minima pressione di aria possibile (ma pur sempre con l'adeguato supporto).

Aggiungo un'altra cosa: l'idea che suonare la tromba sia difficile è il frutto di una tradizione didattica completamente sbagliata. Suonare la tromba non è più difficile che suonare altri strumenti, semplicemente le difficoltà sono diverse. Per noi è più difficile imparare a produrre il suono, ma, per esempio, le nostre diteggiature sono qualcosa di veramente elementare rispetto, a sassofoni, pianoforte, strumenti a corda, ecc.

La cosa veramente difficile è INSEGNARE a suonare la tromba, e purtroppo di conseguenza è difficile trovare insegnanti che sappiano fare bene il loro mestiere, e non basta saper suonare bene per saper anche insegnare bene! Aiuta, per carità, ma non basta. E' difficile spiegare ad un principiante come produrre il suono nella maniera corretta, e le carenze nel lavoro di base all'inizio sono purtroppo la zavorra che accompagna la stragrande maggioranza di noi, e che ci fa sembrare difficile quello che, alla fin fine, difficile non è. E se è difficile insegnare la tromba sapendola suonare, di conseguenza è ancora più difficile farlo senza saperlo fare ed essere insegnanti di sé stessi, anche per un altro motivo: che la tromba è un po' come gli sci, l'istinto ti porta spesso e volentieri a fare le cose sbagliate. Non è impossibile imparare a suonare la tromba da autodidatti, ma è molto difficile, salvo pochissimi casi di straordinaria predisposizione naturale.

Sbattiamo la testa per anni contro questa problematica dell'estensione perché lavoriamo sull'aspetto sbagliato, che non è trovare la "leva di sblocco" del registro acuto o il "portavoce", ma lavorare sulla tecnica di base nel registro normale, anche e soprattutto nella parte che diamo per scontata, per creare quel margine che poi permette di suonare sopra il pentagramma senza che questo sembri un'impresa improba. Io, che come tanti sono partito ad handicap a causa delle carenze di cui sopra, ci ho messo anni a capire quanto margine di lavoro avevo su note come il sol centrale o il do sotto il pentagramma, e l'ho fatto solo grazie al fatto che il mio insegnante mi ha fatto capire, piano piano e con costanza, che cosa significa veramente produrre un bel suono con la tromba.

In sintesi, non ti voglio scoraggiare, come ho detto credo che il tuo esperimento ti stia comunque dando degli spunti, ma attento a non perdere il focus su quello che è veramente importante per ottenere risultati veramente sostanziali e duraturi, che è tutto un altro tipo di lavoro. Prendi i consigli che leggi qui per quello che sono: consigli di chi un certo percorso lo ha già fatto, e su certi muri la testa l'ha già sbattuta.

Buono studio!
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 02:58:30 PM
Risposta di buon senso Norman, come sempre. È il buon senso in genere è frutto di esperienza. È l'esperienza viene dal passato. Io rimango sempre basito quando penso che i metodi di studio per tromba comunemente ritenuti come "i migliori" sono stati scritti più di un secolo fa. È possibile che Clarke e Arban fossero degli illuminati, ma non puoi negare che nessun'altra disciplina al mondo guarda ancora così indietro... forse solo le arti marziali, che dal punto di vista pratico sono state superate per efficienza da nuove discipline e nuovi stili di allenamento. Il mondo è cambiato parecchio. L'uomo è cambiato. Io sono uno che guarda al passato con rispetto, ma credo che certi ambienti si siano costruiti delle verità statiche per autoconservazione. Io credo che bisogna mettere alla prova e sfidare ogni verità confezionata. Bisogna cambiare modo di pensare, e avere la forza di cercare strade diverse. In altri campi della vita ho affrontato questo tipo di sfida, qualche volta con successo, qualche volta no. È la differenza tra successo e insuccesso, nella mia esperienza, dipende solo da fino a dove sei disposto a spingerti... di quanta passione, impegno e dedizione sei capace. Il mio approccio con il mondo accademico mi ha dato subito da pensare. Prova a fare ricerche sulla formazione scolastica di alcuni trombettisti famosi, e scoprirai che si sono costruiti le loro conoscenze senza guardare in faccia nessuno. Me ne vengono in mente subito un paio: Bobby Shew e James Morrison.
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 03:13:14 PM
E ci aggiungo anche un carico da 90: credo che i trombettisti che hanno raggiunto livelli ragguardevoli seguendo percorsi accademici debbano essere applauditi ancora più forte perché sono riusciti a ottenere i loro risultati NONOSTANTE l'educazione subita. Per i latinisti, educare viene da 'educere'... che significa tirare fuori (e non mettere dentro)
: Re: Incredibile
: Norman March 08, 2019, 04:11:37 PM
Risposta di buon senso Norman, come sempre. È il buon senso in genere è frutto di esperienza. È l'esperienza viene dal passato. Io rimango sempre basito quando penso che i metodi di studio per tromba comunemente ritenuti come "i migliori" sono stati scritti più di un secolo fa. È possibile che Clarke e Arban fossero degli illuminati, ma non puoi negare che nessun'altra disciplina al mondo guarda ancora così indietro... forse solo le arti marziali, che dal punto di vista pratico sono state superate per efficienza da nuove discipline e nuovi stili di allenamento. Il mondo è cambiato parecchio. L'uomo è cambiato. Io sono uno che guarda al passato con rispetto, ma credo che certi ambienti si siano costruiti delle verità statiche per autoconservazione. Io credo che bisogna mettere alla prova e sfidare ogni verità confezionata. Bisogna cambiare modo di pensare, e avere la forza di cercare strade diverse. In altri campi della vita ho affrontato questo tipo di sfida, qualche volta con successo, qualche volta no. È la differenza tra successo e insuccesso, nella mia esperienza, dipende solo da fino a dove sei disposto a spingerti... di quanta passione, impegno e dedizione sei capace. Il mio approccio con il mondo accademico mi ha dato subito da pensare. Prova a fare ricerche sulla formazione scolastica di alcuni trombettisti famosi, e scoprirai che si sono costruiti le loro conoscenze senza guardare in faccia nessuno. Me ne vengono in mente subito un paio: Bobby Shew e James Morrison.

In realtà la didattica della tromba si è evoluta come tutte le altre discipline, il problema è che la maggior parte degli insegnanti ancora oggi non lo sa... Il problema della didattica trombettistica in Italia non è dato dalla mancanza di evoluzione, ma dal fatto che è pieno di insegnanti con tanta buona volontà, ma poca vera preparazione, che continuano a perpetuare veri e propri miti... Uno di questi miti è la "sacralità" dell'impostazione, attorno alla quale sembra che ruoti tutto, e che sia talmente delicata che ogni cambiamento rischia di creare chissà quali danni... Da questa concezione derivano anche le preoccupazioni sul cambio di bocchino. La fonte di questa concezione è una didattica trombettistica inadeguata che porta la stragrande maggioranza degli studenti a suonare in maniera inefficiente, con un assetto che si basa su un equilibrio delicatissimo e facendo una fatica assolutamente insensata.

Detto questo, la sperimentazione per uno studente è una cosa fondamentale, è verissimo che insegnare non è solo trasmettere delle nozioni, ma è un lavoro di interazione tra insegnante e studente che deve necessariamente essere personalizzato, perché nessuno studente è uguale all'altro, e questo vale particolarmente per la tromba, per le difficoltà oggettive di cui sopra. Io sono stato più volte incoraggiato dal mio insegnante a sperimentare sulla posizione del bocchino, per esempio. Ma la sperimentazione deve necessariamente confrontarsi con quella che è la maggiore esperienza di altri.

E sempre sbagliato generalizzare, perché gli insegnanti bravi ci sono eccome, e ci sono tantissimi grandi trombettisti che hanno seguito un percorso accademico. Ce ne sono altri che invece nel percorso accademico rischiavano di essere rovinati... Ma non per questo bisogna buttare via il bambino insieme all'acqua sporca. La didattica trombettistica moderna, quella vera, è di altissima qualità, e dimostra da un lato che non esiste alcuna scorciatoia, ma dall'altro che il percorso è molto meno accidentato di quanto si pensi comunemente.

Detto terra terra: con questi fischi non hai scoperto niente di nuovo o rivoluzionario, hai semplicemente scoperto qualcosa che TU non eri in grado di fare prima. E le persone che prima di te hanno avuto questa esperienza ti stanno dicendo che, anche se da questa cosa puoi certamente trarre beneficio (per esempio per correggere la tua impostazione, ma anche per esempio per "esplorare" gli armonici superiori, che comunque sono quelli...), non è questa la strada per costruire un registro acuto con cui si possa realmente suonare. Mettiamola così: hai trovato "il buco", e questo è sicuramente il progresso, ma non hai ancora capito in quel buco come entrarci per poter fare strada oltre, perché il modo con cui hai trovato il buco non è quello giusto per entrarci. Dalla registrazione si sente chiaramente di cosa si tratta, c'è stato un periodo che anche io facevo cose del genere, ed è stata sicuramente una tappa del mio percorso, che però poi mi ha portato a capire che era altrove dove dovevo veramente lavorare. Oggi quei fischi non li so più fare, e non riesco neanche più a "spremere" fuori alcune note sopra il Re acuto che ad un certo punto avevo in canna (ma a che costo e con che controllo e qualità? Risentendo le poche registrazioni che ho mi vengono i brividi... Eppure allora mi sentivo così figo...), ma tutto il resto lo faccio MOLTO meglio di allora. Per questo ti dico: metti in saccoccia, prendi quello che di buono hai trovato, ma attento a non vederci quello che non c'è, e credimi: non c'è nessun "turbo boost" o robe del genere da trovare, c'è una tecnica da costruire, e si fa prima di tutto e soprattutto laddove suonare è apparentemente facile.
: Re: Incredibile
: Mar March 08, 2019, 05:27:51 PM
Appuntamento tra qualche mese, massimo 1 anno, con nuova registrazione. Se i fischi rimangono fischi ti darò ragione. Io, perdonami, ma credo che ti sbagli. Oggi ho lavorato tutto il pomeriggio con Clarke. A fine sessione, ho appena spinto un attimo e sono salito a G sopra C acuto, nota che non mi appartiene... o forse dovrei dire non mi apparteneva.
: Re: Incredibile
: Norman March 08, 2019, 06:57:46 PM
Sarò ovviamente felice di sbagliarmi! ;-)
: Re: Incredibile
: Zosimo March 10, 2019, 10:52:03 AM
Sì, ha ragione come sempre Norman. Ma attento a quello che io chiamo sindrome della cameretta. Ok, a casa siamo tutti maynard poi live davanti al pubblico, su un palco o anche alla sagra della zazzicchia a Nichelino scalo facciamo fra Martino ad minchiam canis. Qui nessuno vuole scoraggiarti, ma pensi che centinaia e centinaia di trombettisti amatori e non , si siano fatti il culo e non sono arrivati a sperimentare il bocchino spostato? ci sono 4000000 libri sulle imboccature e 2000 scuole diverse. Dici che fai i fischi ecc ecc ok.fammi sentire un pezzo con note oltre il do acuto e vediamo cosa esce fuori tra Interpretazione, musicalità , intonazione suono ecc ecc. Tutto questo non per fare il maestro , lungi da me sono una pippa da sagre , ma per farti capire che la musica e la tromba sono altro che gli urli del . Una volta provai una tromba da un riparatore, mi disse; sei il primo che suona un pezzo senza sfondarmi I timpani con gli acuti. Insomma sto facendo un discorso generale proprio perché sono anni che suono e gli acuti beati chi li fa, ma è un argomento sviscerato per anni che non mi attira più. Ma fino ad ora abbiamo una registrazione con i soliti weeee gniiii piiiii, quando sentiremo un pezzo da acutista , ti faremo i complimenti e magari sarai un innovatore per ora attendiamo con calma
Buona domenica . Scusate gli errori ma sono senza internet e scrivo al cellulare. Purtroppo il professore dorme.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

: Re: Incredibile
: Mar March 10, 2019, 01:25:44 PM
Ciao Zo, dalle vostre risposte sembra che io sia stato frainteso, e non di poco.... forse ognuno legge e interpreta secondo la propria esperienza. Io (contrariamente a te) non sono mai stato interessato al registro acuto e sovracuto della tromba, sul modello di Ferguson e Tofanelli, che ammiro ma non ascolto e non ho mai ascoltato. Ho cominciato a suonare la tromba innamorato di Chat Baker, e poi mi sono innamorato di Miles Davis, poi di Lee Morgan, ma sempre per il gusto del bel suono e affascinato dalle loro idee musicali. Per me aumentare l'estensione significa solo poter giocare più comodo nel registro medio e se serve medioalto, senza paura. E devo dirti che nonostante le risposte critiche e i vostri giudizi da veterani, a me sembra che quello che sto facendo sia giusto perché mi sta dando piccoli miglioramenti in questo senso: gioco più facilmentr e più comodamente sulle note che mi appartengono e trovo che il suono sia diventato più morbido e più "rotondo" sulle note che mi appartengono. I progressi mi sembrano dello stesso tipo di quelli fatti finora. L'anno scorso di questo periodo per suonare un do sopra il rigo ero impiccato, e suonavo comodamente fino al sol. L'anno prima mi impiccavo per arrivare al sol. E ogni volta che raggiungo un nuovo limite, tutto quello che sta sotto si assesta e migliora. Non so voi, ma questa è la mia storia con la tromba e il mio rapporto con l'estensione. Salire non tanto per salire, ma per migliorare quello che c'è sotto. È sbagliato anche questo atteggiamento? Me ne farò una ragione. Della tua richiesta:" fammi sentire..." non ti faccio sentire proprio niente. Non credo che qui dentro ci sia lo spirito giusto per queste cose... e anche se ti girassi un audio di Marsalis spacciandolo per mio qualcuno avrebbe qualcosa da ridire. Mi spiace solo di non averlo pensato prima di postare i fischi di maiale. Il post originale era: " ho preso per la prima volta un do bisacuto". Non ho scritto "ora il do bisacuto mi appartiene e posso suonarlo come e quando voglio". Tu mi hai risposto che volevi le prove, qualcun altro che il metodo scientifico richiedeva la capacità di replicare il risultato. Io dopo qualche mese ho scritto e postato le urla di maiale, che prima erano una eccezione, ed ora sono una normalità. Posso urlare come un maiale quando voglio. Metodo scientifico soddisfatto. Prova richiesta fornita. Il resto è accanimento e voglia di fraintendere, pensando che io sia uno stupido
: Re: Incredibile
: Ste March 10, 2019, 02:05:00 PM
Mar, fidati dell'ultimo del forum (in ambito trombettistico, cioè me) : stai fraintendendo gli interventi di
Norman e soprattutto di Zosimo. Quando, tra un pò di tempo e a bocce ferme, rileggerai questo post vedrai che lo interpreterai in altro modo

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk

: Re: Incredibile
: igor March 10, 2019, 02:11:12 PM
Della tua richiesta:" fammi sentire..." non ti faccio sentire proprio niente. Non credo che qui dentro ci sia lo spirito giusto per queste cose... e anche se ti girassi un audio di Marsalis spacciandolo per mio qualcuno avrebbe qualcosa da ridire. Mi spiace solo di non averlo pensato prima di postare i fischi di maiale... Il resto è accanimento e voglia di fraintendere, pensando che io sia uno stupido

Ciao Mar, io scrivo oramai raramente sul forum, causa tempo, e diciamocelo, anche mancanza di stimoli, visto che oramai il 99% dei post si concentra nella sezione mercatino.

Avevo letto con curiosità e piacere il tuo post, che mi aveva riportato indietro ai tempi in cui in ITF c'era ancora una comunità di musicisti curiosi ed eterogenea (dai neofiti ai professionisti).
La tua voglia di sperimentare e di trovare altre strade in modo sistematico, ti fa sicuramente onore.
Quello che invece non ti fa onore, e te lo dico in modo bonario, è come, dopo aver chiesto pareri, non avendo incontrato risposte che si allineano con la tua idea, tu ti sia irrigidito immediatamente scrivendo le frasi che ho messo in neretto qui sopra.

Nessuno vuole accanirsi su nessuno qui dentro, e nessuno ha mai anche solo pensato che tu sia stupido, anzi, come detto, il fatto che tu voglia sperimentare e cerchi di usare la tua testa, depone solo a tuo favore, è più di quello che fa lo studente medio di tromba.

Detto questo, sia Norman che Zosimo, che cmq. alle spalle hanno anni di esperienza musicale alla fiera della salciccia ( ;D ;D ;D ) hanno ragione da vendere nel dire che quel tipo di approccio che stai seguendo difficilmente porterà a qualche cosa (ovviamente mi auguro di sbagliarmi).

I loro consigli erano una risposta alla tua richiesta di discussione, non certo un tentativo di ridicolizzarti.
Se ti sei sentito offeso perché hanno definito quei fischi urla di maiale, beh forse il termine era infelice, ma avevano ragione nel dire che quei fischi non sono effettivamente suoni musicali :-)

Ti faccio una domanda molto semplice: spostando il bocchino fuori centro, fuori dalla tua posizione abituale, come hai detto di aver fatto, come vengono le note che normalmente riesci a suonare bene? Ugualmente bene? Come è la flessibilità su queste note? Come sono gli attacchi? Come è la gestione dei piani e forte? Se tutti questi fattori sono rimasti invariati o addirittura migliorati, allora probabilmente può valer la pena esplorare di più questa nuova posizione, a prescindere dai fischi acuti, perché forse hai trovato un setup migliore sul quale lavorare, se invece in quella posizione ti escono i "fischioni" ma il registro medio è peggiorato sensibilmente, allora con ogni probabilità, quei fischi rimarranno tali, perché avere due setup diversi per due registri diversi non è una cosa ne utile ne sensata.

Questo è il mio parere/consiglio, senza volerti ne dare dello stupido ne criticarti... sentiti libero di prenderlo o di rigettarlo ;-)

I.
: Re: Incredibile
: Zosimo March 10, 2019, 02:38:03 PM
Non ha senso rispondere a chi fa il permalosone sui forum in anni e anni ne abbiamo persi a pacchi con queste modalità. Non ti rispondo nemmeno ha già provveduto il professore e ovviamente e come sempre se non si parla di politica mi associo pienamente a quanto da lui scritto.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

: Re: Incredibile
: Mar March 10, 2019, 02:59:55 PM
Ok, perdonate la "permalosità", è un mio difetto. Qualche frase, le prime due evidenziate da Igor, me le sarei potute risparmiare. Per il resto, rimango d'accordo con me stesso. In ogni caso Zo, volutamente o meno, ha spinto il discorso fuori dai binari iniziali. Dei bisacuti non mi interessa niente. Mi piace migliorare e mi impegno ogni giorno per questo. Lo faccio con passione, e non mi piace essere schernito o frainteso per leggerezza. Per Igor: la posizione con il bocchino spostato da vantaggi solo con i fischi di maiale. Riprendendo la posizione abituale però poi noto vantaggi su tutto il fronte. Non so spiegarti ne spiegarmi il perché. Più estensione, suono più "grasso", migliore flessibilità. È come se, dovendo esasperare la pressione dell'aria per fare fischi di maiale, poi mi ritrovi con molto più margine per gestire l'estensione ordinaria, che sorprendentemente, se non sto attento, scappa su armonici superiori
: Re: Incredibile
: Norman March 10, 2019, 09:20:10 PM
È come se, dovendo esasperare la pressione dell'aria per fare fischi di maiale, poi mi ritrovi con molto più margine per gestire l'estensione ordinaria, che sorprendentemente, se non sto attento, scappa su armonici superiori

Ecco, questa tua frase centra quello che secondo me è il problema di tutto il discorso: il lavoro da fare è esattamente il contrario, ossia è lavorando sulla qualità del registro facile che si crea il "margine" per poi riuscire a suonare agevolmente e con la necessaria qualità anche nel registro meno facile. La ragione di questo è che tutti, praticamente nessuno escluso, da principianti suonano utilizzando più energia del necessario, in parte perché all'inizio questo è necessario per produrre i primi suoni, ma soprattutto perché sono pochissimi gli insegnanti che hanno la competenza e la pazienza per lavorare in maniera adeguata sulla produzione del suono (e sono pochissimi gli studenti con la pazienza necessaria per dedicarsi fin da subito a questo lavoro...). La didattica tradizionale e purtroppo più diffusa mira a "rafforzare", a far fare un lavoro di vero e proprio allenamento fisico che alla fin fine non è altro che tentare di mettersi in condizione di fare più a lungo qualcosa che di base non è corretto. Al contrario, imparare a produrre il suono in maniera corretta, con l'emissione minima indispensabile, fa sì che quello che tradizionalmente è considerato difficile diventi assolutamente normale. Il fatto che per la stragrande maggioranza degli studenti l'estensione normale della tromba sembri come scalare l'Everest la dice tutta...

I fischi che ci hai fatto sentire sono frutto di un'emissione eccessiva, e non di poco, è per questo che sono perplesso sul fatto che possano rappresentare una strada fruttuosa per il futuro.

Se però vuoi uno spunto di ottimismo, come ti ho detto sono il segno che hai trovato un assetto più efficiente di prima, ma rimane che il lavoro che ti consiglio di fare non è lì, ma in quello che pensi essere acquisito. Per esperienza personale, ti posso dire che non hai idea di quanto possa esserci da lavorare, per esempio, su un semplice do basso... E non hai idea di quanto questo lavoro sia fecondo nella costruzione del registro acuto.
: Re: Incredibile
: Norman March 10, 2019, 09:23:08 PM
Comunque grazie per aver, almeno per un po', fatto rivivere questo forum per quello per cui è nato...
: Re: Incredibile
: Mar March 11, 2019, 12:27:58 AM
Grazie Norman, ho letto praticamente tutto quello che è stato scritto su questo forum, purtroppo non in tempo reale, e mi ricordo discussioni in cui mi ritrovavo a parteggiare per l'uno o per l'altro, divertenti e istruttive. Tornando a noi, capisco bene quando dici "Non immagini quanto ci sia da lavorare, per esempio, su un do basso!". Capisco e concordo. Tu sostieni che sto lavorando al contrario, io mi fido della mia ignoranza. Tu sai meglio di me che nello studio della tromba a volte si incontrano muri, o scalini un po' più lunghi e difficili da salire. In questo momento mi sembra di avanzare spedito, nel circolo virtuoso che i piccoli miglioramenti alimentano. Sono veri? Sono finti? Vedremo. E quando questo vento favorevole finirà, quando mi troverò di fronte al prossimo muro, mi guarderò indietro, guarderò a tutto quello che ho imparato in questo periodo, valuterò quanto sono migliorato, mi congratulerò con me stesso per il lavoro fatto, e poi riprenderò questo post per rileggere i tuoi consigli.
: Re: Incredibile
: toro March 11, 2019, 12:31:34 PM
Ciao Mar,ti faccio tanti auguri per il raggiungimento dei risultati che ti sei posto come obiettivo....se saranno buoni ,ti sarei grato se li condividessi sul forum,anche perché nonostante la  mia età dovrei ancora cominciare questo percorso sui sovracuti fischianti,perché non immagini quanta musica ci sia ancora da suonare e imparare sotto quei righi.....
Come Norman ti volevo ringraziare per aver dato vita finalmente ad una discussione da forum per tromba,che non sia il solito mercatino ,e che veda contrapposizioni di idee in modo che ognuno faccia poi le proprie considerazioni
Bye
V.