Author Topic: Mio cambio d'impostazione  (Read 2010 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Michtrumpet89

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 94
  • Reputazione dell'utente: +2/-0
Mio cambio d'impostazione
« on: December 08, 2015, 07:03:54 PM »
Non lo so se è la sezione giusta, mi era stato chiesto di parlare del mio cambio d'impostazione e lo faccio ben volentieri.

E' una storia abbastanza particolare e lunga. Io da quando ho iniziato a suonare la tromba, mi sono auto impostato senza volerlo in una delle cosiddette impostazione UP stream, con la mascella in avanti, pur non avendo un mento molto pronunciato. Quindi non  sarebbe la mia posizione naturale per come ho i denti e la mia bocca (questo è quello che direbbero la maggior parte dei trombettisti classici e non, fissati con l'impostazione o con certi tipi di impostazioni "canoniche")

Fatto sta ho avuto sin dall'inizio un buon feeling. Quando mi fu chiesto da un insegnante "siciliano", di cambiare impostazione, chiesi la motivazione, ed era una motivazione puramente estetica, allora  non lo feci e sono salito al Nord Italia a studiare dove non mi hanno cambiato impostazione, perché comunque le cose le facevo, suonavo tranquillamente il concertino di Roppartz da capo a fondo dignitosamente senza stancarmi e lo portai anche all'esame di ammissione a Modena due anni fa. Sicuramente suonavo meglio di certa gente diplomata che è insentibile. (sempre un discorso molto generalizzato ma chi è che suona da parecchio tempo lo sa, è così.)

Non ho avuto nessun tipo di problema particolare, c'erano tante cose su cui lavorare ma la posizione con cui suonavo mi piaceva e studiando mi dava soddisfazioni. Il suono ha sempre viaggiato abbastanza bene e facevo miglioramenti durante il mio percorso di studio.

 Estensione era più che dignitosa, scendevo pure fino ai pedali tranquillamente e mi ero abituato a fare tutto con la stessa posizione, e per estensione intendo la nota più acuta senza sacrificare suono e qualità, che era un Fa sopra (per i trombettisti, Mib come nota reale per gli altri strumenti). Il suono era bello ed era la cosa che mi guidava. Ho studiato con valide persone, qualificate ma non voglio citare i nomi.

Tuttavia al mio primo anno di Triennio (adesso sarei al secondo anno), io stavo a Vicenza, in questa città al conservatorio c'è stato un cambio d'insegnante. Con il precedente insegnante mi trovavo benissimo ma a Novembre- dicembre del 2014, è cambiato. Dal periodo che va da Gennaio a Luglio, sotto la guida di questo insegnante lavoravo intensamente su metodo Arban, seconda parte del gatti, passi d'orchestra a non finire.. senza contare un tipo di Warm up abbastanza impegnativo (che non specifico, è un altro discorso, mi ci vorrebbe molto altro tempo), e lettura di sinfonie di Bruckner in sezione con i ragazzi dei bienni. Il tutto unito con un suo carattere in grado di demoralizzarmi (il che non lo credo possibile neanche io, visto che ho la testa più dura del marmo).

 Ad un certo punto, con molto stress, andare a lezione non era più un piacere ma una sofferenza infinita. E tralasciamo l'esame di " tromba uno e repertorio" che ho dato...  mi sembrava un audizione alla London  symphony orchestra. Dopo questo esame, morale della storia era come se in estate ero completamente cotto.

Ho fatto diverse visite odontoiatriche e nella parte di sotto, alla gengiva sul labbro inferiore, avevo un importante gengivite espulsiva non giustificata, perché in quel momento non c'erano carie, non c'era niente di dentistico che potesse giustificare il sangue e l'infiammazione. La mia resistenza quando suonavo si era dimezzata e duravo davvero 10 minuti anche se il suono era ancora bello.

Il nuovo insegnante sin dall'inizio aveva insistito affinché io cambiassi impostazione con un settaggio con la campana totalmente verso il basso, quindi penna del bocchino in basso e bordo e tazza premuto sulla parte superiore sopra le labbra ( a clarinetto insomma). Perché affermava che non potevo suonare la tromba in questa maniera.

Al che sono stati dei giorni a riflettere e a studiare qualcosa davanti lo specchio e mi sono accorto che il bocchino era sceso parecchio vicino la zona rossa delle labbra, rispetto a come suonavo prima, quindi ho semplicemente preso il bocchino e con la stessa inclinazione di prima l'ho alzato verso la parte bianca delle labbra, non modificando niente della vibrazione precedente. Ho preso i concetti del nuovo insegnante che parlava del bianco delle labbra senza cambiare l'inclinazione. Anzi, alzando verso il bianco, non cambiando il vecchio sistema, la campana ora tendenzialmente va più in alto rispetto a prima, per una serie di cose abbastanza ovvie.  Ovviamente è stato come un riniziare da capo perché ho scoperto che in realtà aveva iniziato a scendere da un po', quindi era comunque un punto nuovo, è stato come riniziare da capo. Scoraggiato andai a lezione da un ottimo insegnante a Torino che ascoltandomi, sentiva in fondo delle cose buone e mi ha consigliato di continuare con la nuova impostazione facendomi guidare dalla musica e dal suono che volevo produrre.
Ho partecipato anche all'italian Brass week e devo dire che sia la lezione con questo personaggio che a luglio l'italian brass week mi hanno dato fiducia e coraggio per non lasciare perdere tutto.

https://www.facebook.com/race.carner/videos/526374294198514/?pnref=story

questa è la mia nuova posizione a circa cinque mesi dal cambio. Mi stanco meno e mi trovo molto meglio e la zona della bocca infiammata con le cure e il tempo, dopo il cambio d'impostazione ha risposto agli antinfiammatori e gradualmente dopo due mesi mi sono ripreso totalmente dalla gengivite.

Lontano da me affermare che la gengivite era dovuta a una questione trombettistica, so solo che ho girato cinque dentisti e non c'era motivazione a questa gengivite importante e ho provato di tutto, gel gengivali, antinfiammatori, collutori di tutti i tipi, dentifrici appositi d'applicare nella zona infiammata.  Ma non avevano nessun effetto.

Cambio impostazione e con le dovute cure, mi riprendo da questo incidente di percorso.
« Last Edit: December 08, 2015, 07:23:01 PM by Michtrumpet89 »

Offline fac

  • Seconda Tromba
  • ***
  • Posts: 451
  • Reputazione dell'utente: +8/-0
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #1 on: December 08, 2015, 08:28:12 PM »
In buona sostanza il classico caso di insegnanti non competenti, non a caso anche alcuni grandi trombettisti italiani di oggi hanno subito questo trattamento e hanno rischiato di vedere il loro talento sprecato. Nel mio piccolo il talento era poco ma questo tipo di insegnanti stava per farmi appendere la tromba al chiodo; ho iniziato con un maestro di clarinetto e la tromba andava naturalmente verso l'alto, poi alcuni illuminati mi hanno detto che la tromba si suona solo verso il basso (non importa quello che esce dalla campana, l'importante è che sia inclinata verso il basso, merda che esce dalla campana rivolta a terra è ok invece un suono discreto che esce con la campana verso l'alto non va bene......). Mi sono trovato a tredici anni a fare un'ora di lezione di tromba con un asciugamano arrotolato sotto al collo (per alzare la testa) e il maestro che spingeva la campana verso il basso... ovviamente di lì a poco ho lasciato perdere. Ho ripreso da solo come suonavo prima e cerco solo di divertirmi. Come vedi non sei il solo! Buona musica e soprattutto buon divertimento ;)

Offline Ste

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1354
  • Reputazione dell'utente: +40/-0
  • Gender: Male
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #2 on: December 09, 2015, 05:25:41 PM »
Grazie Michtrumpet89, interessante questa tua esperienza pollices
Io avrei fatto anche i nomi dei docenti, non credo ci siano problemi se qualcuno parla della propria esperienza personale a fare nomi e cognomi (trattasi appunto di esperienza "PERSONALE") ,ma a parte questo trovo la questione molto interessante.
Sono pienamente d'accordo con Fac pollices
"Devi diventare il campione mondiale di mezza ottava"
cit.

Offline Michtrumpet89

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 94
  • Reputazione dell'utente: +2/-0
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #3 on: December 10, 2015, 09:32:14 AM »
Grazie Ste e anche a Fac. Preferisco non fare nessun nome. Aggiungo altre cose a questa storia.

In questa mia disavventura sono arrivato a delle considerazioni giuste o sbagliate che siano.

 La prima è che un insegnante ha il potere di aiutarti o di distruggerti. Renderti le cose semplici o impossibili.  Nel mio caso non è stato molto produttivo il suo atteggiamento. Può tirare fuori il massimo da quello che puoi realmente fare o buttarti a terra con ogni mezzo possibile per far apparire che non puoi, ne sai suonare "come dice lui" e che in sostanza devi fare quello che dice lui anche se non ti uscirà un tubo per il prossimo anno e mezzo.

La seconda riguarda il fatto che non mi ritengo il nuovo paganini della tromba, ma invito a riflettere. Se riflettiamo sono più i trombettisti con possibilità nella media o di poco sopra la media, o peggio, un altrettanta e numerosa fascia di gente senza alcuna predisposizione o peggio senza alcuna idea di bel suono, rotondo, cantato, centrato, pulito, di diverso colore e qualità...  che i trombettisti dal talento pazzesco. I comuni mortali siamo in maggioranza rispetto ai Geni. Questo mio discorso va a parare al fatto che questo insegnante giustificava il cambio perché lui " ha come obiettivo formare solo trombettisti d'orchestra al top" e la mia posizione "storta" " non mi permette di suonare ai massimi livelli in orchestra sinfonica". Unito al fatto, sempre secondo lui che la campana della tromba in un orchestra deve essere per tutti della stessa inclinazione ( tralasciando il fatto che si può sempre alzare ed abbassare la testa.. ma anche li c'è sempre da dire con il puntuale " ah ma poi non vedi il direttore")

Fra le altre cose, ci ho provato a cambiare come diceva lui, passavamo ore di sofferenza, uscivano rumori sofferti di gola e quant'altro in una posizione evidentemente che non mi appartiene, non emettevo un suono, ne brutto ne bello, ne tanto meno sporco. La sensazione era proprio brutta. Non riuscirei a spiegare con esattezza, se non con la certezza di non poter suonare nel punto in cui mi diceva, li per me non c'è assolutamente nulla..
 
E' pazzesco, mi veniva puntualmente chiesto di cambiare, con popò di spiegazione pseudo scientifica sulla corretta impostazione delle labbra (scusatemi ma secondo me non esiste, quello che importa è il risultato).
 Mentre fai comunque delle cose, per passare a qualcosa di peggiore, con la "presunta" e solita " speranza" che ti fanno suonare meglio se cambi !!

Poi quando gli dicevo " ma, metti la mano sul fuoco che mi fai suonare meglio ?" allora li anche l'altro personaggio siciliano ripose, al tempo, "eh no, quello dipende solo da te. Io posso guidarti nella nuova strada, devi essere tu  a riuscirci", e se ne lavano le mani, " nessuno può mettere la mano sul fuoco che funzioni". Sulle labbra degli altri, mentre loro suonano già bene, siam tutti bravi (è una mia opinione personale).

Altra considerazione è che lo Stress, ambiente poco felice, tipo di studi e lavoro sullo strumento secondo me sbagliato e ad alto ritmo. Hanno affaticato la mia impostazione e le mie labbra, unite al tutto il cervello impallato, confuso, autoStima sotto lo zero perché in classe mi son ritrovato uno che ti fa sagra della primavera mentre si sta facendo clarke che sembra che spacchi il soffitto.. e ti dica con lo sguardo " Vedi non puoi suonare". Atteggiamenti di sfida e provocatori hanno di certo influito in un mio peggioramento sulla tromba, perché mi è venuta a mancare una guida solida che mi desse tranquillità ed equilibrio. E sopratutto una guida che creda nelle possibilità dell'allievo, che valorizzi ciò che ha di buono e ne critichi in maniera costruttiva ciò che ha di negativo, sempre per migliorare l'allievo, mai distruggerlo.

Diciamo che secondo me tutte queste cose hanno avuto la loro parte in questo rocambolesco incidente.
« Last Edit: December 10, 2015, 09:41:41 AM by Michtrumpet89 »

Offline Ste

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1354
  • Reputazione dell'utente: +40/-0
  • Gender: Male
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #4 on: December 10, 2015, 10:29:44 AM »
Mich, sembra quasi che tu ti sia ritrovato a studiare in un girone dantesco... e che c'era più libertà e flessibilità ai tempi dell'inquisizione.. paura...

complimenti per non avere mollato,bravissimo.
"Devi diventare il campione mondiale di mezza ottava"
cit.

Offline PatMikeMeth

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1042
  • Reputazione dell'utente: +7/-2
  • Gender: Male
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #5 on: December 10, 2015, 11:57:38 AM »
https://www.youtube.com/watch?v=oUjVAH2OG94

tanto per citare uno che ha avuto la stessa critica dai maestri di conservatorio secondo i quali non avrebbe mai potuto andare avanti con la su impostazione "tromba in verso l'alto"............ e guarda un po dov'è ... TRA LE STELLE !!!


La cosa più sbagliata è aspettarsi che lo strumento faccia qualcosa che non sappiamo fare.......lo strumento va dominato !! (CF)

Offline Jenga

  • Prima Tromba
  • ****
  • Posts: 548
  • Reputazione dell'utente: +12/-0
  • Gender: Male
    • Musica, Computer e dintorni
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #6 on: December 10, 2015, 12:00:30 PM »
La prima è che un insegnante ha il potere di aiutarti o di distruggerti. Renderti le cose semplici o impossibili.  Nel mio caso non è stato molto produttivo il suo atteggiamento. Può tirare fuori il massimo da quello che puoi realmente fare o buttarti a terra con ogni mezzo possibile per far apparire che non puoi, ne sai suonare "come dice lui" e che in sostanza devi fare quello che dice lui anche se non ti uscirà un tubo per il prossimo anno e mezzo.
Questi purtroppo sono insegnanti che hanno un atteggiamento talmente chiuso ("è giusto come dico io e basta") che non dovrebbero insegnare...
Dalle mie parti ci sono molte bande e una scuola media ad indirizzo musicale. Un insegnante di questa scuola dice ai suoi allievi "non andate a suonare in banda che non imparate niente e gli insegnanti non sono capaci"... peccato che nelle bande della zona per il suo strumento insegni un suo collega... parimenti diplomato, parimenti in ruolo e insegnante della stessa scuola... non ci siamo proprio...


La seconda riguarda il fatto che non mi ritengo il nuovo paganini della tromba, ma invito a riflettere. Se riflettiamo sono più i trombettisti con possibilità nella media o di poco sopra la media, o peggio, un altrettanta e numerosa fascia di gente senza alcuna predisposizione o peggio senza alcuna idea di bel suono, rotondo, cantato, centrato, pulito, di diverso colore e qualità...  che i trombettisti dal talento pazzesco. I comuni mortali siamo in maggioranza rispetto ai Geni. Questo mio discorso va a parare al fatto che questo insegnante giustificava il cambio perché lui " ha come obiettivo formare solo trombettisti d'orchestra al top" e la mia posizione "storta" " non mi permette di suonare ai massimi livelli in orchestra sinfonica". Unito al fatto, sempre secondo lui che la campana della tromba in un orchestra deve essere per tutti della stessa inclinazione ( tralasciando il fatto che si può sempre alzare ed abbassare la testa.. ma anche li c'è sempre da dire con il puntuale " ah ma poi non vedi il direttore")
insomma... insegna solo a quelli già bravi, impostati come dice lui e che hanno interesse a suonare in orchestra... lasciamolo alle sue certezze !

E' pazzesco, mi veniva puntualmente chiesto di cambiare, con popò di spiegazione pseudo scientifica sulla corretta impostazione delle labbra (scusatemi ma secondo me non esiste, quello che importa è il risultato).
Su questo sono d'accordo fino a un certo punto: la fisica è la fisica, le onde si propagano in un certo modo e quindi un impostazione standard basata su queste considerazioni ha il suo valore.
Va comunque tenuta in conto la differenza tra persona e persona, quindi neanche assolutizzare questi concetti, come faceva il tuo insegnante, non va bene, un certo adattamento alle caratteristiche individuali è necessario.

E sopratutto una guida che creda nelle possibilità dell'allievo, che   valorizzi ciò che ha di buono e ne critichi in maniera costruttiva ciò   che ha di negativo, sempre per migliorare l'allievo, mai distruggerlo.
Su questo invece sono d'accordo al 100%: sia che lavori con un ragazzino di prima media, che con un adulto che già suona e magari ha degli evidenti difetti, devi sempre essere motivante e costruttivo, altrimenti non ottieni risultati, anzi rischi di far passare del tutto la voglia di suonare.
TROMBA: Yamaha 8335 LA
BOCCHINI: Monette B4, Taylor ML AR, Bob Reeves 43M, Denis Wick 4FL Gold

Offline Michtrumpet89

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 94
  • Reputazione dell'utente: +2/-0
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #7 on: December 10, 2015, 09:37:11 PM »
Ragazzi come scritto da Jenga, ogni caso andrebbe affrontato a se, perché appunto ogni persona è unica, a parte. Generalizzare nel 2015 non è il massimo. E sopratutto siamo sempre prima di tutto musicisti e poi trombettisti. A volte questo, qualche insegnante lo dimentica.  In una classe di armonia che si tratti di armonia complementare o che sia Jazz, siamo tutti musicisti (lo dico perché nei nuovi trienni ci sono tre anni di armonia)... Ci sono state prime trombe nel passato, in america,  che suonavano in maniera inguardabile, uno addirittura col bocchino al lato delle labbra e nessuno avrebbe scommesso un centesimo, ma quando li ascoltavi dicevi " mamma mia" suonavano come dei Diavoli, e stra-funzionava tutto.  La fisica e' fisica, però vi garantisco che se metto il mio ex insegnante a suonare come suono io adesso o come suonavo prima, non caccia una nota e non si trova bene. Io mi ci trovo, ho la mia comodità e attualmente con l'orchestra sinfonica del conservatorio, con archi, ci sto facendo tranquillamente programma tutto Beethoven, primo movimento della quarta sinfonia, prometheo, Pastorale, Rovine di Athene Op 113 marcia alla turca ed etc...Non è impegnativo, ma comunque bisogna suonare.
« Last Edit: December 10, 2015, 09:48:00 PM by Michtrumpet89 »

Offline palmerone

  • Seconda Tromba
  • ***
  • Posts: 288
  • Reputazione dell'utente: +7/-0
  • Gender: Male
  • Tutto fa.. come disse quello che urinò nel lago!
Re:Mio cambio d'impostazione
« Reply #8 on: December 11, 2015, 12:39:56 PM »
Anche secondo me non esiste una impostazione unica per tutti.. ognuno e fatto diversamente.

E poi.. Sergei... come farebbe lui a fare quello che fa?  ;D
https://www.youtube.com/watch?v=wdzZLCWeuwY

non ha certo l'impostazione alla Giuffredi/Tofanelli  ;)
TROMBA: YAMAHA 8310 Z CUSTOM
BOCCHINO: MONETTE PRANA B6 LD S1

Offline Norman

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 3709
  • Reputazione dell'utente: +87/-0
  • Gender: Male
    • Lozza Gang Band
Mio cambio d'impostazione
« Reply #9 on: December 11, 2015, 08:05:45 PM »
Ecco, una cosa che mi ha fatto rabbrividire è il fatto che l'insegnante affermi di avere un metodo che va bene solo per l'alto livello. Già qui mi verrebbe da dubitare... Non ci sono due approcci diversi per i professionisti ed i principianti, la tromba si suona sempre nella stessa maniera, si studia sempre nella stessa maniera e si insegna sempre nella stessa maniera, non importa il livello dell'allievo. Sarà poi l'allievo che determinerà il suo punto di arrivo, secondo il talento, la predisposizione ed il tempo che potrà è vorrà dedicare allo studio.

Poi vabbè, il fatto di applicare la stessa impostazione per tutti è una puttanata colossale. Ormai lo sappiamo.
Taylor X-Lite - AR Resonance MC 40/8 Monette B6S1 Prana 17/84 B4LS S1 Prana 21/81
"Non suonare come un trombettista, suona come un cantante!" A. Giuffredi

Lozza Gang Band

Lozza Gang Band su Facebook