Author Topic: Wallace practice mute vs Best Brass warm up  (Read 1946 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1982
  • Reputazione dell'utente: +10/-1
Re: Wallace practice mute vs Best Brass warm up
« Reply #30 on: December 28, 2020, 06:18:26 PM »
 :-X  nel pomeriggio mi sono ridimensionato perchè sulla seconda ottava dal sol in poi tutta questa leggerezza non c'è più.
quindi tristemente forse è stata una coincidenza fortunata .
Comunque nello stesso  pomeriggio ho fatto un blind test con una ascoltatrice .
ho preso un bach 7c un 3 c un resonance b4 il b2 monette e l'ultimo arrivato un resonance avvitabile in bronzo simile al b2 ma con foro più stretto. e li ho suonati in rapida successione una scala di bb su una ottava. e posso dire con una certa soddisfazione che a prescindere dal bocchino riesco a suonare il mio suono standard medio basso , tutto con la Suprema che aiuta parecchio.
Vedremo se i progressi saranno continui come lo sono stati sino ad oggi o mi andrò a scontrare col "muro del vizio".
mal che vada ti dirò come viene il caffè  ;D



Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1982
  • Reputazione dell'utente: +10/-1
Re: Wallace practice mute vs Best Brass warm up
« Reply #31 on: January 28, 2021, 09:09:34 AM »
a più di un mese dall'acquisto posso dire che sono molto soddisfatto.
Prevalentemente studio con la sordina e l'aspetto che trovo deleterio è che tutte le sordine creano una eccessiva contropressione o resistenza alla emissione.
Con le sordine riuscire a suonare wisper tones soprattutto sul registro acuto è per me impossibile. (mediamente devo spingere di più ed è un circolo vizioso ......più spingi e meno impari a produrre suono senza spingere).
La wallace ha il pregio rispetto alle altre sordine di poter regolare molto questo effetto della contropressione resistenza con questo sistema del pistoncino e po è più intonata rispetto ad esempio alla sient elettronica o all DW harmon ecc..
Oggi ho provato a suonare senza cilindretto (non lo faccio mai per cercare di silenziare il più possibile) provando a suonare le scale maggiori su due ottave ma con volumi minimi......
(con l'emissione per produrre i whisper tones )..
certamente a campana libera è meglio si riesce a non spingere quasi per nulla soprattutto con la Suprema ma anche con la wallace abbinata ad entrambe le mie trombe si riesce ad avvicinarsi molto a quella "sensazione di emissione" .
Tra i miei innumerevoli acquisti questa wallace mi sta dando grandi soddisfazioni tanto da causare qualche gelosia .
La Suprema mi ha detto chiaramente che la posso usare ma devo smettere di condividerla con la selmer , di questo passo la prossima volta "la espelle" , ;D

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1982
  • Reputazione dell'utente: +10/-1
Re: Wallace practice mute vs Best Brass warm up
« Reply #32 on: February 09, 2021, 07:47:08 PM »
oggi per combattere la mia naturale tendenza a puntare le note molto più in alto del dovuto (soprattuto quando uso la sordina) ho provato un escamotage.
Intanto la premessa con la sordina inserita (sia con la Suprema sia con la Selmer ) in genere sposto la pompa di intonazione aprendo .......più di 1 cm e mezzo..
Ma alla lunga mi sono accorto che è come un cane che si morde la coda più la tiro fuori più ho la tendenza a puntare la nota in alto .
Oggi per la prima volta ho provato il contrario ossia a ridurre l'apertura della pompa e a modificare l'intonazione controllando con emissione e  labbro (e purtroppo impostazione.... nel senso che suono aprendo le labbra più del solito).
Ho provato questo considerando che chi sa suonare tipo Rapa con la Wallace tiene la pompa di intonazione aperta al di sotto del centimetro, e riesce comunque a suonare intonato e con un suono pieno di armonici.
O Paolo Trettel  che riesce a suonare do re mi fa sol senza neanche toccare i pistoni (piegando le note al suo volere ) .
o Pierobon che fa lo stesso piegando le note al suo volere prescindendo entro una certa misura dalla posizione.
in pratica spero così facendo di avvicinarmi a quelli che considero i miei riferimenti. (e ad un controllo sel suono che prescinde quasi anche dalle posizioni).

Ho fatto questo perché è gia il secondo giorno che le cose non vanno bene ed ho perso quelli che erano i miei riferimenti di leggerezza e intonazione complice il fatto che ho suonato a campana aperta e dopo una dieta con la sordina il passaggio è stato un po traumatico.