Author Topic: Boris Vian  (Read 74 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Mar

  • Seconda Tromba
  • ***
  • Posts: 333
  • Reputazione dell'utente: +5/-0
Boris Vian
« on: August 01, 2020, 10:29:43 AM »
Siamo nella rubrica "grandi trombettisti del passato e del presente", ma forse un post su Boris Vian non dovrebbe stare qui. È stato un trombettista sì, magari non un grande trombettista. È stato un grande appassionato di jazz, uno che ha vissuto la sua passione (o meglio le sue passioni) con gioia. Per un certo periodo ha infiammato con la sua vitalità le notti di St Germain con la sua tromba, o cornetta, o trompinette. Era un ingegnere, ma nella vita ha fatto un po' di tutto: ha scritto canzoni, articoli sugli spettacoli delle notti parigine, ha scritto romanzi, ed è stato una delle persone di riferimento per i grandi jazzisti americani quando andavano a Parigi. È morto nel 1959, a soli 39 anni, seduto in un cinema, mentre proiettavano la prima di un film tratto da un suo romanzo.
Per questo caldo mese di agosto vi consiglio una lettura rinfrescante, per il cuore e per la mente:  "La schiuma dei giorni". È un libro assolutamente geniale e stravagante, così come geniale e stravagante era Boris Vian. "Allucinazioni stese sopra un letto di poesia". Consigliato solo a chi piace farsi sorprendere da qualcosa di assolutamente unico e inaspettato

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 8013
  • Reputazione dell'utente: +159/-1
  • Gender: Male
Re: Boris Vian
« Reply #1 on: August 01, 2020, 10:32:47 AM »
Non ricordo se lo avevo aperto io tempo fa un post su Vian, giustamente snobbato.
Ricordo però un recital con Bosso su Vian alla casa del Jazz, dove le persone che avevo portato
mi maledirono tutta la serata. :'(
Tromba: Quella che capita
Bocchino: Almonzinni Revolution

Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Offline Mar

  • Seconda Tromba
  • ***
  • Posts: 333
  • Reputazione dell'utente: +5/-0
Re: Boris Vian
« Reply #2 on: August 01, 2020, 11:13:31 AM »
Boris Vian era uno che si divertiva, uno che ha avuto il coraggio di combinarne di tutti i colori, uno che prendeva in giro tutto e tutti. Pure lui non avrebbe apprezzato il recital di quella sera, con tutto il rispetto per Bosso.


Offline eugeniovi

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2836
  • Reputazione dell'utente: +39/-0
  • Gender: Male
Re: Boris Vian
« Reply #3 on: August 03, 2020, 08:56:06 AM »
Bravi a ricordarlo! Spirito libero ed irriverente che si esprime nella sua composizione Le Deserteur! bellissima!!!