Author Topic: A Basic Approach To Jazz Tunes  (Read 89 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Rubino

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 79
  • Reputazione dell'utente: +4/-0
  • Gender: Male
    • Jazzpaths
A Basic Approach To Jazz Tunes
« on: September 14, 2020, 11:28:11 PM »
Come iniziare nel modo più efficace lo studio di un brano jazz? Come ricordare e non perdersi nella struttura? Quali scale suonare su certi accordi (ma è proprio sempre così?). Queste e numerose altre questioni saranno affrontate in un coinvolgente e divertente webinar gratuito venerdì 18 Settembre 2020 alle ore 18.00 (la registrazione dell'evento resterà a disposizione di chi si iscriverà per una settimana).

Requisiti tecnici per la partecipazione

Registrazione all'incontro sulla piattaforma Zoom
• Connessione Internet Veloce
• Microfono
• Webcam
• Strumento

–––––––
PARTECIPAZIONE
Il numero dei posti disponibili è limitato, per la partecipazione occorre registrarsi all'indirizzo indicato di seguito, i posti saranno riservati usando l'ordine di arrivo delle richieste.

Registrati al Webinar qui
Jazzpaths Rivista
Facebook
Google+

Chi ha voglia di ascoltare qualcuno che parla solo per mostrare quante cose conosce? Beh, nel jazz è lo stesso.

Offline Rubino

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 79
  • Reputazione dell'utente: +4/-0
  • Gender: Male
    • Jazzpaths
Re: A Basic Approach To Jazz Tunes
« Reply #1 on: September 25, 2020, 11:34:40 AM »
A seguito di un problema sul server di Zoom che impediva a chi si era iscritto di rivedere il webinar, abbiamo ottenuto da loro il video e dopo il taglio della parte iniziale e delle domande degli intervenuti, lo abbiamo caricato su YouTube. Purtroppo il video è risultato fuori sincro tra audio e voce, fortunatamente non al punto da renderlo inutilizzabile, speriamo vi sia utile e lo possiate apprezzare.

La registrazione del webinar è disponibile online su YouTube a questo indirizzo per chiunque sia interessato: A Basic Approach To Jazz Tunes.

Approfitto per non consigliare a nessuno i servizi di Zoom e di orientarsi su piattaforme più costose ma più affidabili. Zoom, dopo loro stessa ammissione di responsabilità per l'errore ha semplicemente detto che erano dispiaciuti, per un servizio e un addon che era stato pagati e anche piuttosto costosi.
Jazzpaths Rivista
Facebook
Google+

Chi ha voglia di ascoltare qualcuno che parla solo per mostrare quante cose conosce? Beh, nel jazz è lo stesso.