Author Topic: un metodo per ampliare il proprio range e non solo  (Read 611 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1482
  • Reputazione dell'utente: +5/-1
Re: un metodo per ampliare il proprio range e non solo
« Reply #15 on: May 06, 2020, 12:22:52 PM »
effettivamente nel video fa esattamente questo che descrivi:
prima suona accordi , poi scale e poi addirittura un glissato dal fa di due ottave avanti ed indietro

Offline Navarro

  • Terza Tromba
  • **
  • Posts: 108
  • Reputazione dell'utente: +1/-0
Re: un metodo per ampliare il proprio range e non solo
« Reply #16 on: May 06, 2020, 05:59:34 PM »
In molti casi, c'è chi va oltre il semplice buzzing con la leadpipe e forza gli slot per cercare di suonare tutto, esattamente come se fosse lo strumento o il solo bocchino.
Sì, certo, il mio intervento era solo per raccontare la mia esperienza con questo tipo di esercizi.
Bach 37 reverse + Giardinelli 7S
Yamaha YFH 631 + Giardinelli 7FL

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1482
  • Reputazione dell'utente: +5/-1
Re: un metodo per ampliare il proprio range e non solo
« Reply #17 on: June 11, 2020, 08:11:11 PM »
https://www.youtube.com/watch?v=BhZs2YS2wBw

lo stesso esercizio suonato con un suono più jazz.....

a proposito di questo esercizio "mi sono reso conto" (utilizzo una parola grossa perchè il mio grado di consapevolezza è prossimo ad una pippa) che questo esercizio presenta un rischio.
per compensare l'assenza di armonici dovuti alla mancanza della pompa di intonazione per poter mantenere lo stesso pitch se deve "forzare".
magari si deve forzare solo la vibrazione ma comunque questo esercizio può allontanere il principiante dalla idea della forza necessaria per produrre suono.
Quindi se si tiene presente questo  e sia ha una ottima impostazione l'esercizio è utile se invece non si hanno riferimento chiari l'esercizio può essere controproducente. (nel mio caso lo utilizzo proprio qualche secondo per capire quanto riesco a forzare ...........)

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1482
  • Reputazione dell'utente: +5/-1
Re: un metodo per ampliare il proprio range e non solo
« Reply #18 on: June 19, 2020, 10:09:03 AM »
https://www.youtube.com/watch?v=Bdk9sr0udmU&t=29s&fbclid=IwAR1wYI70rbG9

interessante il suo punto di vista su questo esercizio .
bellissimo l'esempio del suono prima chiuso tappato e poi che si apre per me illuminante

Offline fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1482
  • Reputazione dell'utente: +5/-1
Re: un metodo per ampliare il proprio range e non solo
« Reply #19 on: October 12, 2020, 05:19:23 PM »
e se lo dice Arturo chi sono io per smentirlo.
interessante anche l'esempio dell'aria senza suono con il solo bocchino.
(e per questo il musicista riferisce che non studia col solo bocchino ma preferisce questo esercizio)
a 47 00 l'esemio che ci interessa.....
poi risponde ad un altro aspetto non confondere volume con il suono.
adoro Sandoval perché pur essendo un musicista di altissimo profilo si concede con una generosità non comune.
(in genere a quei livelli si trova poco in rete)

https://www.youtube.com/watch?v=j92lEc8JJgs