Author Topic: Marquis Hill masterclass  (Read 380 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3426
  • Reputazione dell'utente: +15/-1
Marquis Hill masterclass
« on: December 11, 2020, 01:03:55 AM »
una lezione di alto livello perché l'allievo ha già una buona tecnica
interessante quando spiega all'allievo le differenza di approccio e chiede la differenza.
e poi su indicazione l'allievo improvvisa molto meglio seguendo immediatamente le indicazioni.
yeahhhhhhhhhhhhhhh,.
Lui è un bravissimo jazzista e probabilmente lo conoscete già

l'unico aspetto brutto è la registrazione penosa dei suoni soprattutto di Hill.

per chi ha un po di tecnica di improvvisazione troverà indicazioni preziose e per chi conosce l'inglese sarà ancora meglio

https://www.youtube.com/watch?v=kPeGHROIxE4

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 10215
  • Reputazione dell'utente: +164/-4
  • Gender: Male
Re: Marquis Hill masterclass
« Reply #1 on: December 11, 2020, 08:21:47 PM »
Se non erro è stato o è artista resonaz
insomma un uomo della scuderia, per forza è bravo O0
Tromba: Getzen SuperDelux ('60) Holton Revelation ('23) , Cinesina, Carol 5000
Trombino: Thommino
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo
Metodo per gli acuti:Zogor
Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3426
  • Reputazione dell'utente: +15/-1
Re: Marquis Hill masterclass
« Reply #2 on: December 11, 2020, 08:46:07 PM »
Yeahhhhhhh allora Tony sa tutto su che bocchino usa .
E' davvero forte peccato che il suono della masterclass sia pessimo ma è una goduria assistere ad una lezione di improvvisazione di alto livello.
Su Misty l'allievo non aveva suonato neanche male ed aveva rispettato pure gli accordi ma con poche note Marquis gli ha spiegato che per essere lirici o improvvisare bene non c'è bisogno neanche  di inserire sedici note a battuta