Author Topic: Quei favolosi anni '70...  (Read 93 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Mauro 58

  • Prima Tromba
  • ****
  • Posts: 654
  • Reputazione dell'utente: +13/-0
  • Gender: Male
  • Music Forever!
Quei favolosi anni '70...
« on: February 22, 2021, 03:10:52 PM »
Ciao a tutti!

Raccolgo volentieri l’invito di Zosimo e ripercorro insieme a voi l’estate del 1978, uno degli anni più belli della mia vita musicale.
Non so se quello che vi racconterò potrà essere di qualche interesse per qualcuno, ma al limite prendetelo come lo sfoglio di un vecchio album di foto-ricordo.

Avevo appena iniziato l’università, quando una mattina ricevetti una telefonata del mio vecchio Maestro di musica.
Un gruppo di quelli che suonava per fare intrattenimento sulle navi da crociera aveva bisogno di un trombettista per completare l’organico (batteria, bassista-cantante, piano, sax e tromba), e il responsabile di quel gruppo (batterista) aveva chiesto in giro se c’era qualche ragazzo disposto a fare un po’ di esperienza in quel settore.
Inutile dire che accettai subito e, dopo un mesetto di prove per approntare un minimo di repertorio, partimmo per Genova, da dove avremmo preso un charter che ci avrebbe portato a New York per stabilirci lì come base per le crociere che si facevano settimanalmente, dirette verso i Caraibi.

A Genova, però, trovammo subito il primo contrattempo: per un mero disguido, il container con i nostri strumenti era stato rimandato a Fiumicino e quindi eravamo a rischio di dover partire per New York senza strumenti. Al che, per fortuna, un tizio che curava i contratti con le compagnie di navigazione conosceva un negozio di strumenti musicali nel centro di Genova che si prestò per farci provare degli strumenti che avremmo potuto prendere se non fossimo riusciti a recuperare i nostri in tempo utile.

Per fortuna, dopo soli tre giorni, Alitalia ci fece mandare il container direttamente a New York e fummo così in grado di partire tranquilli.

Quando arrivammo a New York, per me fu la classica “sberla” con la quale ci si sveglia da un lungo sonno: per un ragazzo di quasi 20 anni nel 1978, la Grande Mela era come un Paese delle Meraviglie!
La vita notturna, Broadway, Times Square, l'Empire State Building, Central Park, la 5th Avenue, le Nazioni Unite… tutto nuovo, tutto mai visto.
E fu così che i primi giorni ci fu la classica ubriacatura di novità: negozi, strumenti musicali, bar, locali: tutto era oggetto di visite e ri-visite!

Ma la parte migliore doveva ancora venire: dopo una settimana, partiti dai docks del fiume Hudson, arrivammo ad Hamilton (Bermuda) e subito ci trovammo catapultati in una dimensione totalmente differente: sole, mare, palme, vita, donne e spiagge bellissime!
Per noi, che lavoravamo solo la sera in turni di 4 ore in orari variabili (20-24 nei saloni da cena, 22-02 nei saloni da ballo e 00-04 nei saloni da night), la vita di giorno si spalmava tra spiagge e bagni, frutta esotica e milk-shakes, passeggiate e tentativi (che, almeno per me, rimanevano tali) di rimorchio…

Si tornava a New York il giovedì mattina e si ripartiva il venerdì pomeriggio, quindi avevamo sempre il giovedì sera come riposo settimanale. Inutile dire che io saltavo sempre la notte del giovedì per andarmene in un posticino che avevo trovato nella 44^ Strada dove potevo contare, per una modica cifra, su una buona cena e su un altrettanto buon dopo-cena in dolce compagnia (non posso entrare nei dettagli, altrimenti mi censurate)… Ma, d’altra parte, a circa 20 anni, solo, sciolto e lontano da casa, dovevo pur fare le mie esperienze… o no?...

 O0

E, praticamente, tutta quella meravigliosa estate trascorse con i ritmi delle crociere e delle varie scoperte che facemmo nei luoghi meravigliosi dove andavamo (New York, Bermuda, Puerto Rico, Bahamas) e grande fu il rammarico quando arrivammo alla fine del contratto. Ma l’esperienza che avevamo fatto nei confronti del pubblico vacanziero ci tornò molto utile negli anni a venire: imparammo a gestire il repertorio in base al pubblico, ai suoi gusti e al desiderio di ballare. Per noi ragazzi di quel tempo, fu veramente un corso di vita musicale accelerato e concentrato.

Spero di non aver annoiato nessuno; se l’ho fatto, non era mia intenzione…

Ciao a tutti e al prossimo post!
Bb Trumpets:    Holton MF ST-302, Holton MF ST-307, Holton MF ST-308, Stomvi VR-II, Yamaha 8310Zv3; CarolBrass CTR-7770L-YST
Bb Flugelhorns: Holton F-555T, Jupiter JFH1100R
Bb Cornets:       Holton C-605C, Yamaha 2330-II
Bb Pockets:       Holton T-650, CarolBrass CPT-3000-GLS
Mouthpieces:     AR Res. G12S, Giardinelli 12S, Giardinelli 10S, Kanstul GR12S, Yamaha 11A4 (Trumpet);
                        AR Res. 12S, Yamaha 11A4, (Cornet); AR Res. 12S, Giardinelli 12FL (Flugel)

Offline andreache

  • Seconda Tromba
  • ***
  • Posts: 451
  • Reputazione dell'utente: +8/-0
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #1 on: February 22, 2021, 04:24:57 PM »
Molto bello e interessante

Offline bicho

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1381
  • Reputazione dell'utente: +25/-1
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #2 on: February 22, 2021, 04:28:31 PM »
Che invidia, Mauro... Complimenti!
Yamaha 8310ZS
Laskey 65*

Offline Mar

  • Prima Tromba
  • ****
  • Posts: 591
  • Reputazione dell'utente: +6/-0
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #3 on: February 22, 2021, 04:31:59 PM »
Bellissimo racconto Mauro, sei stato fin troppo sintetico, ne avrei letto volentieri ancora un po'.
Basterebbe metterci una storia d'amore in qualche modo "difficile", un accenno a temi scomodi tipo droga e/o razzismo e potrebbe diventare un film (e sono sicuro che Pupi Avati sarebbe d'accordo).

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 8397
  • Reputazione dell'utente: +159/-3
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #4 on: February 22, 2021, 04:46:11 PM »
Bellissimo post finalmente qualcosa
Di serio oltre ai morsetti da 2mm che grippano
Il cannello sfasato.
Grande Mauro. gli anni passano, ma
Mi raccomando il cuore sempre quello dei 20 anni.
Tromba: Quella che capita
Bocchino: Almonzinni Revolution

Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Offline toro

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1578
  • Reputazione dell'utente: +18/-0
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #5 on: February 22, 2021, 05:31:06 PM »
Bellissimo post Mauro......mi e' scappata anche la lacrima perche' erano anche  i miei anni di gioventu'  e un vissuto cosi' fantastico,non tornera' piu'.Io non ho avuto un'esperienza cosi' importante come la tua,ricordo che giravo l'europa con tre amici su un Due Cavalli colore carta da zucchero(un mito)a sentire concerti e conoscere persone.Non avevamo una lira in tasca ,ma non abbiamo mai fatto danni ad altri.......un tempo ci si sosteneva a vicenda.Ricordo che rimanemmo senza carburante vicino ad amsterdam e piu' di una persona ci aiuto' per tornare.
Capello lungo,pantalone scampanato,camicia trasandata ,tenda , zaino e  il Benny con la chitarra a tracolla che suonava 1000 km senza  smettere mai :D.......il fatto di potere vivere con due lire in tasca ,oggi porterebbe all'esaurimento nervoso il 99% della gente,ma si puo' fare,ed ha i suoi lati positivi...... ;)
grazie di nuovo ,bellissimo post pollices
non puoi comprare la felicita',ma se compri una bici e una tromba, sei gia' a buon punto.....

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 8397
  • Reputazione dell'utente: +159/-3
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #6 on: February 22, 2021, 05:35:04 PM »
Mitici ragazzi: ve la dedico
https://www.youtube.com/watch?v=zuQI_ury8pg
chi dimentica è complice.
Tromba: Quella che capita
Bocchino: Almonzinni Revolution

Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Offline anrapa

  • Administrator
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 14145
  • Reputazione dell'utente: +210/-0
  • Gender: Male
    • AR Resonance Website
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #7 on: February 22, 2021, 05:36:27 PM »
Che bel racconto, un po' ti invidio: ho rischiato di fare la stessa esperienza a 20 anni, mi avevano "assunto" per andare a suonare sulle navi da crociera, l'organizzatore era un noto suonatore di tuba della zona, prima di partire morì improvvisamente e non se ne fece più nulla.
Qualche settimana dopo mi chiamarono per fare il corso per il mio attuale lavoro, fossi partito avrei preso la nave ma avrei perso il treno, per così dire.
Alla fine mi è andata bene così, sono contento, ma avrei tanto voluto fare quell'esperienza.
In un qualche modo poi ci andai lo stesso negli USA a suonare ma con un'orchestra di tutt'altro genere.
AR Resonance

Trombe e Bocchini AR Resonance
Tornio a mano nel retro della carrozzeria di mio fratello
Bulini del Penny Market
Pulimentatrice dello sfasciacarozze
Laurea in Youtube
Master in "a mano è meglio che CNC"

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 8397
  • Reputazione dell'utente: +159/-3
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #8 on: February 22, 2021, 05:38:54 PM »
Questo è un post per chi stava sulla strada nei mitici 70 no per chi nel 2000 stava al liceo.

QUesta la dedico a Mauro:
https://www.youtube.com/watch?v=fkIqZi1IPR4
Tromba: Quella che capita
Bocchino: Almonzinni Revolution

Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Online fcoltrane

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1981
  • Reputazione dell'utente: +10/-1
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #9 on: February 22, 2021, 05:45:52 PM »
bel post  ovazion

Offline toro

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1578
  • Reputazione dell'utente: +18/-0
  • Gender: Male
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #10 on: February 22, 2021, 06:25:47 PM »
Grazie Zo’ per I YouTube.......emozione e brividi.
non puoi comprare la felicita',ma se compri una bici e una tromba, sei gia' a buon punto.....

Offline Mauro 58

  • Prima Tromba
  • ****
  • Posts: 654
  • Reputazione dell'utente: +13/-0
  • Gender: Male
  • Music Forever!
Re: Quei favolosi anni '70...
« Reply #11 on: February 22, 2021, 11:02:52 PM »
Grazie, ragazzi!

Non pensavo che il racconto di una lunga e calda estate degli anni '70 potesse essere così bene accolto!
Devo dire che, effettivamente, per me (oltre al lato importantissimo dell'esperienza musicale) fu un po' il taglio definitivo del cordone ombelicale con la vita di tutti i giorni che aveva caratterizzato i miei primi 20 anni. In quel periodo la globalizzazione era ancora una cosa sconosciuta, e la possibilità di vivere in mondi, usi e costumi diversi fu veramente una bella botta di vita.

Diciamo poi che noi (almeno quelli della mia età e non solo musicisti, ma anche personale di bordo, fotografi, camerieri, etc.) che lavoravamo nelle crociere settimanali, cercavamo di assorbire il più possibile da quell'esperienza: nei momenti liberi andavamo a sentire i musicisti (quelli veri) a Greenwich Village, cercavamo di fotografare gli scoiattoli a Central Park, andavamo a prendere il sole a Mangrove Bay o a Jobson's Cove, e anche a riempirci di frullati a St. George o a Nassau, di assorbire insomma "a pieni polmoni" quella che per noi era una straordinaria avventura.

Purtroppo, come dicevo nel post, quella meravigliosa estate finì troppo presto, ma mi lasciò un bagaglio di esperienze e ricordi (musicali e non) che ancora sono ben presenti nella mia mente a distanza di tanti anni.

Una cosa soprattutto credo di aver imparato: che la musica è l'unico, vero linguaggio universale.
Spesso succedeva che ci fosse tra i passeggeri qualcuno che sapeva suonare e che (a parte i pianisti) portava il proprio strumento in crociera: nonostante non ci fossimo mai visti prima e non parlassimo la stessa lingua, a volte capitava di riuscire a suonare gli stessi standard nelle stesse tonalità e di trovare un affiatamento quasi incredibile, come se avessimo fatto mille prove.

Grazie ancora a tutti voi per avermi letto volentieri (e con molta pazienza, direi). A volte, quando mi faccio prendere dal discorso, divento logorroico e scrivo, scrivo, scrivo...

:)
« Last Edit: February 22, 2021, 11:08:32 PM by Mauro 58 »
Bb Trumpets:    Holton MF ST-302, Holton MF ST-307, Holton MF ST-308, Stomvi VR-II, Yamaha 8310Zv3; CarolBrass CTR-7770L-YST
Bb Flugelhorns: Holton F-555T, Jupiter JFH1100R
Bb Cornets:       Holton C-605C, Yamaha 2330-II
Bb Pockets:       Holton T-650, CarolBrass CPT-3000-GLS
Mouthpieces:     AR Res. G12S, Giardinelli 12S, Giardinelli 10S, Kanstul GR12S, Yamaha 11A4 (Trumpet);
                        AR Res. 12S, Yamaha 11A4, (Cornet); AR Res. 12S, Giardinelli 12FL (Flugel)