Author Topic: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify  (Read 302 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2361
  • Reputazione dell'utente: +11/-1
Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« on: March 17, 2021, 08:40:59 AM »
Siete a casa soli soletti e desiderate essere "aiutati" nel warm up quotidiano.
Niente paura eccovi serviti.
Se siete già ad un buon livello tecnico c'è il mitico Pierobon con scale articolazione flessibilità
"Practice with me " questo splendido musicista italiano non ha bisogno di presentazioni ed il suono della tromba è davvero bello (ed è un riferimento solido anche per un jazzista .....in realtà penso che quando il suono è bello puoi fare ciò che ti pare dalla classica al jazz al pop al liscio al rap)

recentemente ho scoperto un altro musicista americano ma ho scoperto che vive in italia nell'area romana .
Michael Supnick
che propone un suo metodo
Trumpet Lesson 30 giorni di esercizi e scale e Warm  up
si suonano tutte le scale sino alla nona e poi l'accordo maggiore corrispondente
prima lentamente e poi più velocemente
e poi il warm up
interessante anche questo metodo  e di semplice comprensione

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 8794
  • Reputazione dell'utente: +159/-3
  • Gender: Male
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #1 on: March 17, 2021, 09:04:22 AM »
Grande supnick
Suona Dixie style con
Lino patruno
Tromba: Quella che capita
Bocchino: Almonzinni Revolution

Se non sai cos'è, allora stai slottando, amico mio.
Su questo forum, gli armonici sono talmente vicini  che tra un po' trombano.
L'anima del cambiar tromba ogni 2 giorni è sempre stato il desiderio e non il bisogno.  Bocchini per le note acute in realtà esistono, ma funzionano solo con gli acutisti

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2361
  • Reputazione dell'utente: +11/-1
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #2 on: March 17, 2021, 09:17:03 AM »
 :D e si dopo il warm up  su spotify ho ascoltato un po di musica con Patruno , quando hai tecnica poi fai un po quello che ti pare e puoi spaziare dal dixi al jazz tradizionale.

ha anche proposto una sorta di warm up per il jazz base nel senso che suona degli standard  molto semplici ed esegue il tema in maniera basilare.
(Estate stella by starlight ecc..) utile anche questo supporto per chi desidera avvicinarsi al jazz e magari non sa leggere ma suona ad orecchio.
così ascolti il brano ed imiti il trombettista nella esposizione del tema .
certo puoi farlo direttamente sui dischi dei grandi (ed è forse anche più proficuo) ma non è facile trovare versioni degli standard che siano al livello base ...........




Offline eugeniovi

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2946
  • Reputazione dell'utente: +39/-0
  • Gender: Male
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #3 on: March 17, 2021, 09:47:01 AM »
Allora un oretta di warm up, poi mezzoretta fi flex, poi scale ed accordi per....facciamo altra oretta, poi studio della tecnica con magari qualche esercizio mirato...ah dimenticavo che ci sta anche il bending per diciamo una ventina di minuti. Bene, ora (per gli amanti dello studio Jazz) suoniamo con un po' di basi sugli accordi e proviamo la pronuncia e poi non vuoi imparare un tema a memoria? Adesso passiamo allo studio dell'armonia......bene, mi organizzo  :)

Offline Mar

  • Prima Tromba
  • ****
  • Posts: 633
  • Reputazione dell'utente: +6/-0
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #4 on: March 17, 2021, 12:52:02 PM »
Eugenio, come spesso accade hai centrato il punto. Tante cose nuove da imparare, tante cose da migliorare, tanti miglioramenti ottenuti da mantenere = tanto tempo (troppo per un hobbysta).
Alcuni tempi si possono ridurre (io non faccio warm up, solo 5 minuti di note lunghe in bending a salire).
Poi ci sono studi essenziali che per me sono Colin e Clark, ma che ognuno può scegliere i suoi. 35 minuti al massimo, a parte un giorno alla settimana in cui mi dedico approfonditamente a questi.
Questa è la sessione indispensabile. Poi  a seconda del tempo, ci sono un sacco di cose da fare come dici tu.

Ho provato a seguire percorsi strutturati (e completi) tipo lezioni da 25/40 minuti al giorno. Il corso Mitchell on trumpet propone in 4 libri circa 80 lezioni settimanali fatte bene. Dalle basi basi fino al volo del calabrone in meno di due anni. L'ho solo iniziato, poi mi mancava la mia personale routine che mi sembra dia risultati migliori, però per qualcuno può essere interessante e utile.


Offline eugeniovi

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2946
  • Reputazione dell'utente: +39/-0
  • Gender: Male
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #5 on: March 17, 2021, 02:32:01 PM »
Il mio era un modo scherzoso di far vedere (volendo) quanto c'è da fare e non basta  :). Concordo pienamente, bisogna concentrarsi sul 'poco' che si puo' fare col tempo e non andare avanti anni luce con la 'fantasia'. Purtroppo il piu' delle volte alla fine dello studio (oretta) mi dico : ma cosa ho fatto oggi? E naturalmente questo me lo dico col labbro 'dolorante' perchè alla fine di una sessione di studio alla 'faccio tutto e niente' vado a cercare di fare le note alte con risultato pessimo dovuto all'incaponimento che ovviamente ti fa tirare il labbro. E' un problema che si accentua ancor di piu' ora che la scuola è chiusa ed anche se era aperta non andavo lo stesso per precauzione. Almeno avevo qualcosa su cui concentrarmi invece che concentrarmi sul 'tutto' trombettistico che equivale al nulla in termimi di studio  :). Ciao

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 2361
  • Reputazione dell'utente: +11/-1
Re: Warm up quotidiano con un aiutino su Spotify
« Reply #6 on: March 17, 2021, 02:47:23 PM »
considero questo metodo come quello di Pierobon o Giuffredi  o quello di Matteo Spolveri sul Clarke o su gli altri argomenti solo un "aiutino".
(uno splendido aiutino per chi come me ha necessità di avere un riferimento di suono e di intonazione.)
come giustamente dite non si può fare tutto non c'è il tempo (soprattutto se non sei uno studente di musica o un professionista) ma un semplice appassionato .
e quindi ad esempio desidero fare 5 minuti di note lunghe (non lunghissime) prendo il warm up di Supnick su spotify ,
se desidero fare  5 minuti di  scale maggiori   posso scegliere tra Pierobon play with mi su spotify o su youtube le varie lezioni mi pare la 16 e la 59  , o Sandoval su una masterclass in spagnolo , o Supnick ecc...
e così via .
il pregio di spotify è che puoi velocemente trovare ciò che ti serve.
ad esempio un giorno passi 10 minuti su una scala maggiore  Eb e questo musicista la propone a diverse velocità.
e poi per terze.
un giorno il tuo insegnante può essere Pierobon il giorno segunte Supnick ecc....

in pratica la proposta completa è di un'ora di musica o più ma nessuno ti vieta di utilizzare quello che ti serve per il tempo che  ritieni opportuno.


per me più che un problema di tempo è un problema di tecnica perchè alcuni esercizi sono fuori dalla mia portata.
c' è ad esempio un bellissima scala di mi su due ottave che ancora per me è un miraggio
(e la suona Pierobon).