Author Topic: la mia lezione al conservatorio  (Read 238 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3934
  • Reputazione dell'utente: +16/-2
la mia lezione al conservatorio
« on: January 13, 2024, 04:17:58 PM »
vi parlo della seconda lezione al conservatorio  .
parto da Catania verso le 10 ed arrivo alle 15 al conservatorio che è arroccato in un paesino incantevole in Calabria .
Il paesino si inerpica in montagna ed alcune strade sono davvero con pendenze oltre l'umana comprensione.
la mia lezione iniziava alle 16 30 ma c'è la possibilità di seguire le lezioni degli altri studenti.
(una condivisione che considero una ottima occasione e che ho sempre apprezzato, perché se ascolti musicisti più in gamba di te hai una buona idea di prospettiva ,e riesci ad acquisire sempre nuove informazioni, sia di tecnica strumentale sia di teoria ed improvvisazione) se invece i musicisti sono al tuo livello o peggio acquisisci un altro tipo di informazioni o conferme che si riferiscono alla didattica e all'insegnamento.
il musicista che ho conosciuto era un trombonista già diplomato in strumento classico.
nell'attesa dell'insegnante lo ho ascoltato riscaldarsi con il cichowicz.
ho scoperto così che la tecnica del trombone è identica alla tromba .
si suona l'esercizio tutto legato e con i suoni omogenei .
in breve il musicista ha suonato tutte le pagine sino al do della seconda ottava (io ad oggi no riesco ad arrivare sin lassù suonando con una unica emissione senza buchi tra le note ed in maniera omogenea).
un ottimo esercizio per il controllo dello strumento e del suo sul registro "usuale " della tromba.

quando è arrivato l'insegnante il musicista ha suonato l'esercizio 46 dell'arban.
io ho provato a leggere ma già sulla prima tonalità ho riscontrato qualche problema. (per la prossima settimana spero di riuscire a studiarlo un po meglio ma sono consapevole che mi ci vorrà di più per suonarlo come si deve).

quindi siamo passati al clarke n2 su tutte le tonalità (ancora alcune come do diesis e la bemolle rappresentano una tragedia)
il trombonista invece le suonava con facilità.
quindi le scale maggiori con il fraseggio in levare procedendo per semitoni.
per poi passare ad un esercizio di lettura di un brano swing con la base (anche su questo brano il trombonista era un ottimo lettore) io arrancavo e più che altro più che leggere provavo ad ascoltare il bravissimo insegnante e suonare lo stesso.

poi alcuni esempi di trascrizione di soli di Miles e Clifford e l'insegnante all'unisono con loro: è stato un bel sentire.
su joy spring lo avevo ascoltato da alcuni straordinari trombettisti e sassofonisti ma dal vivo è una altra storia .
Hai la sensazione di percepire le sfumature i respiri il suono ecc ..ecc...
siamo passati allo standard jazz che mi era stato assegnato il brano There Will never be another you che dal punto di vista armonico è facile .
la prima è andata male , la base stacca troppo velocemente.
non riesco neppure a suonare tutte le note del tema.
il trombonista pur non conoscendo lo standard (essendo un ottimo lettore ) suona il tema meglio di me  : Eeek :
poi improvvisa l'insegnante (ed è davvero un bel sentire ).
le altre esposizioni e improvvisazioni un po meglio (molto poco in realtà)
l'aspetto che mi è da stimolo , la consapevolezza , è anche motivo di frustrazione , (molte delle cose che ascolto riesco a capire cosa sono ) però poi riuscire ad imitare l'insegnante è impossibile per mancanza di tecnica.
non so se vi è capitato di voler produrre una nota ad esempio una 4a aumentata su un accordo maggiore e di non riuscirci:
c'è l'intenzione , hai ben presente il suono , e poi sbrang il suono che produci è un altro : Andry :

la prossima settimana una ballade che abbiamo accennato (una delle mie preferite ).
dopo il tema si suonano le sigle .
la ballade è contenuta nel disco Ballads di Trane.
chi indovina vince un cannolo di ricotta (da mangiare a Catania in via etnea da savia nota pasticceria ...)

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #1 on: January 13, 2024, 05:59:59 PM »
All or Nothing at All
Ma alla seconda lezione già trascrivere Clifford
E improvvisate sulle sigle. È tipo Barkley.
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3934
  • Reputazione dell'utente: +16/-2
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #2 on: January 13, 2024, 06:57:29 PM »
la trascrizione era solo un esempio di quello che faremo "forse "l'ultimo anno (l'unico che ha suonato è stato l'insegnante) .
che ha suonato all'unisono il  solo di Miles  su So  What , poi quello di Chet su but not form me e poi Clifford.
nel mio caso molti degli aspetti teorici ed lo stesso percorso di studi sono conosciuti (perché più o meno è lo stesso percorso di studi che ho seguito con il sax.)
Per fare un esempio : l'importanza dell'ascolto dei grandi musicisti , del linguaggio  , la conoscenza degli standards ecc. per me sono tutti aspetti  scontati .
Ma questi stessi aspetti non sono altrettanto scontati per chi invece viene da un percorso classico
(anche se ha un bagaglio tecnico molto maggiore rispetto al mio ).


Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #3 on: January 13, 2024, 07:12:19 PM »
Quelli che fanno classica non gli fai fare un gosth note
nemmeno se li paghi ;D
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #4 on: January 13, 2024, 07:13:06 PM »
Comunque se ti laurei io e Masa
veniamo alla festa.
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3934
  • Reputazione dell'utente: +16/-2
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #5 on: January 14, 2024, 04:17:15 PM »
 :D :D ;D

Offline Ste

  • Solista
  • *****
  • Posts: 1505
  • Reputazione dell'utente: +40/-1
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #6 on: January 16, 2024, 01:26:49 PM »
bravo Francesco, che spirito hai e che esempio sei: bravo!
"Devi diventare il campione mondiale di mezza ottava"
cit.

Offline eugeniovi

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3366
  • Reputazione dell'utente: +40/-0
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #7 on: January 16, 2024, 02:04:28 PM »
Ma Zosimo ha indovinato?  :) Bravissimo Trane!

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3934
  • Reputazione dell'utente: +16/-2
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #8 on: January 16, 2024, 04:52:25 PM »
grazie amici .
Zosimo ha indovinato alla seconda chance il brano questo You Don't Know What Love Is
https://www.youtube.com/watch?v=IdRLCEJ7iS8

Offline eugeniovi

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3366
  • Reputazione dell'utente: +40/-0
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #9 on: January 16, 2024, 05:10:53 PM »
Lo sapevo che era quello! Meraviglioso è riduttivo, ciao

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #10 on: January 16, 2024, 05:24:37 PM »
Don Ciccio, mi deve pagare la colazione cor cannolo
in Via Umberto da Ficarra.
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo

Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #11 on: January 21, 2024, 10:35:59 AM »
Don Ciccio, parlaci anche della terza
ora è come una soap non puoi lasciarci allo scuro.
Questo sarà il tuo angolo quindi portaci per mano
fino al diploma  8)
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo

Offline fcoltrane

  • Acutista
  • ******
  • Posts: 3934
  • Reputazione dell'utente: +16/-2
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #12 on: January 30, 2024, 03:54:37 PM »
la mia terza lezione :
arrivo sempre alle 15 e quindi partecipo alla lezione del mio bravo collega trombonista.
(dico bravo perché riscaldandosi suonare  il  cichowicz sino al do acuto tutto legato per me non è per nulla semplice.)
in una settimana ha imparato metà solo di Chet a memoria nel brano There Will never ecc..
quindi ha trascritto a memoria e lo suonava all'unisono.
(io in una settimana non riesco neanche col sax figuriamoci con la tromba  :-[)
in più è anche un ottimo lettore e pur non avendo alcuna esperienza di musica jazz è stato in grado di esporre il tema leggendolo sul momento  anche con una sua interpretazione del fraseggio e dello swing)
( io che invece lo avevo studiato ho sbagliato pure alcune note nella esposizione del tema >:( )

un po meglio sono andato sulla ballade sia dal punto di vista della esposizione del tema sia per quanto riguarda l'impero.
l'appunto che mi ha fatto il maestro è stato non tanto sul suono quanto sulla dinamica.
L'esempio che ha fatto lui da questo punto di vista bellissimo , sulla b suonando con buon volume quelle note acute (un po come fa Marsalis sullo stesso brano)  , ed invece le a a volume molto minore.
(purtroppo dal mio punto di vista so esattamente quello che desidererei suonare ma la mancanza di tecnica in relazione alla dinamica mi impone di suonare medio forte per il timore di non suonare affatto  >:()
la seconda esecuzione della stessa ballades un po meglio.

non vi parlerò degli studi tecnici classici (che conoscete sicuramente Clarke ecc )
ma vi parlerò di un esercizio che mi è stato assegnato (e che già conoscevo con il sax) ma co una piccola variazione.
siamo su do (sib in suoni reali)
a salire la quartina do 7a maggiore
(T do, 3a  mi, 5a  sol, 7a si) e a scendere re minore quindi (  7b do, 5a la,  3a min  fa, T re  ) quindi mi minore mi sol si re , e fa a scendere
(mi do la fa ) quindi sol 7 a salire sol si re fa .

( in pratica gli arpeggi degli accordi che si formano su tutti i gradi della scala maggiore a salire e a scendere )

l'unica differenza che ho riscontrato è che dopo il sol si scende per terze non con le quartine .
quindi sol mi fa re mi do re si .
questo stesso esercizio si suonerà su tutte le tonalità e si impara ad armonizzare la scala maggiore .
forse per chi non ha una buona pratica può essere utile iniziare solo con le quartine ascendenti do mi sol si    re fa la do ecc
e passare alle successive ascendenti e discendenti solo dopo


Offline Zosimo

  • Moderatore Globale
  • Acutista
  • *****
  • Posts: 11180
  • Reputazione dell'utente: +167/-4
  • Gender: Male
Re: la mia lezione al conservatorio
« Reply #13 on: January 30, 2024, 04:05:17 PM »
Dal nostro inviato don Ciccio dal conservatorio di non mi ricordo
Catanzaro è tutto.
Catanza Is the new new orleans.
Tromba Bb:  Holton Revelation ('23)  Cinesina, Carol Brass 5000, Martin Committee ('48)
Cornetta: York Baronet ('55)
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie ('60)
Bocchino: ideatore della penna Bar Rocco, Bris Bois e della tazza V6 Turbo